Fonds FV - Venturini

Dichiarazione di riforma Lettera del comandante della 111 Legione della Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale Lettera del comandante della 24 Legione CC.NN. d'assalto Certificato di buona condotta civile, morale e politica Certificato del podestà del Comune di Milano Relazione sull'arresto e l'omicidio di Carlo Federici (alias Bruno Venturini) Lettera del Comando generale della Guardia Nazionale Repubblicana Dichiarazione di Giorgio Amendola. Estratto dal Registro degli atti di nascita per l'anno millenovecentonove Lettera dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - Comitato provinciale di Padova Certificato di partigiano Certificato di nascita di Bruno Venturini Dichiarazione della Commissione regionale triveneta per il riconoscimento Partigiani Qualifica gerarchica di Bruno Venturini Dichiarazione del comandante il Corpo Volontari della Libertà - Regione Veneta Barricata rossa Biografia di Bruno Venturini Lettera di Bruno Venturini del 3 giugno 1944 Lettera di Bruno Venturini di fine aprile - inizio maggio 1944 Lettera di Bruno Venturini del giugno 1944 Lettera di Bruno Venturini del 2 luglio 1944 Lettera di Bruno Venturini del 5 luglio 1944 Lettera di Bruno Venturini del 10 luglio 1944 Lettera di Bruno Venturini dell'11 luglio 1944 Lettera di Bruno Venturini del 16 luglio 1944 Prima lettera di Bruno Venturini del 28 luglio 1944 Seconda lettera di Bruno Venturini del 28 luglio 1944 Lettera di Bruno Venturini del 13 agosto 1944 Lettera di Bruno Venturini del 18 agosto 1944 Lettera di Bruno Venturini del 29 agosto 1944 Lettera di Bruno Venturini dell'agosto 1944 Lettera di Bruno Venturini del 13 settembre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 20 settembre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 25 settembre 1944 Lettera di Bruno Venturini di fine settembre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 2 ottobre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 19 ottobre 1944 Prima lettera di Bruno Venturini del 23 ottobre 1944 Seconda lettera di Bruno Venturini del 23 ottobre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 24 ottobre 1944 Lettera di Bruno Venturini di fine ottobre - inizio novembre 1944 Lettera di Bruno Venturini del 10 novembre 1944 Bruno Venturini_I Bruno Venturini_II Funerali di Bruno Venturini_I Funerali di Bruno Venturini_II Libretto d'iscrizione di Bruno Venturini all'Università degli studi di Camerino Libretto di lavoro di Bruno Venturini
Ouvrir Document numérique originale

Zone d'identification

Cote

IT ISCOP FV

Titre

Venturini

Date(s)

  • 1909-1953 con docc. s.d. (Production)

Niveau de description

Fonds

Étendue matérielle et support

Buste 1, fascicoli 5.

Zone du contexte

Nom du producteur

(1943-09-25/)

Notice biographique

La famiglia Venturini è costituita da: Bruno Venturini (Fano 28 settembre 1909 – Brescia 29 novembre 1944), la moglie Libera Callegari (Padova 1 gennaio 1912 – Milano 28 febbraio 2013) e la figlia Anna (Bergamo 29 luglio 1944). Bruno e Libera, entrambi antifascisti, si conoscono nel 1942 per il tramite del comune amico Ugo La Malfa e si sposano presso il Comune di Milano, dove risiedono entrambi, il 25 settembre 1943. Cambiano frequentemente il loro domicilio in quanto Bruno, che a partire dall'armistizio dell'8 settembre vive in clandestinità, è ricercato. La loro convivenza, però, dura solo alcuni mesi. Infatti, successivamente all'arresto della moglie (insieme alla cognata e alla suocera), avvenuto il 30 dicembre 1943 per favoreggiamento di partigiani, il Partito Comunista Italiano, dopo il 10 gennaio 1944, trasferisce Bruno a Roma da dove, nel marzo 1944, torna a Milano per ricongiungersi con la moglie non appena questa è liberata. Da Milano, però, il Partito lo trasferisce nuovamente (probabilmente all'inizio del mese di aprile), dapprima a Venezia (dove ricopre il ruolo di segretario della locale Federazione) ed in seguito sul Cansiglio e a Vicenza (dove gli vengono assegnati compiti politici e militari). Mentre Bruno è in Veneto, Libera, dopo essere stata rilasciata, a causa dei bombardamenti che avevano colpito la città di Milano, si trasferisce insieme alla madre e alla sorella a Bergamo dove, il 29 luglio 1944, nasce Anna, la loro unica figlia. Bruno, che in seguito all'arrivo di Giorgio Amendola in Veneto è stato nominato vice comandante del Corpo volontari della libertà delle Tre Venezie, il 29 novembre 1945 è ucciso a Brescia da un militare in forza alla Guardia Nazionale Repubblicana, mentre si dirigeva a Padova, di ritorno da una riunione a Milano con Luigi Longo. Soltanto nel maggio del 1945 Libera è informata della sorte del marito. La salma di Bruno è quindi trasferita da Brescia a Milano. Nel dopoguerra, fino alla morte sopraggiunta nel 2013, Libera continua a vivere a Milano, per alcuni anni insieme alla figlia, dove prosegue l'impegno politico, in particolare nelle attività relative all'assistenza alle famiglie bisognose; lavora quindi nell'ambito dell'editoria in qualità di caporedattore scientifico per le case editrici Feltrinelli, Boringhieri ed Einaudi.

Dépôt

Histoire archivistique

La documentazione conservata nell'Archivio della famiglia Venturini venne conservata da Bruno Venturini, da sua moglie Libera Callegari e dalla loro figlia Anna presso le diverse abitazioni nelle quali hanno vissuto. Dopo la morte di Bruno, avvenuta il 29 novembre 1944, i documenti da lui prodotti e acquisiti furono conservati da Libera fino alla sua morte, avvenuta il 28 febbraio 2013. Presumibilmente intorno alla fine degli anni Ottanta del Novecento, Libera trasmise una parte consistente dell'Archivio al sindaco del Comune di Fano(I). Attualmente, presso il Comune, tale documentazione risulta però smarrita. Il 23 gennaio 2018, Anna Venturini, ha formalmente donato all'Istituto di Storia Contemporanea della Provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) la documentazione prodotta e acquisita dai suoi genitori esclusa dalla predetta trasmissione a beneficio del sindaco del Comune di Fano (per una descrizione del contenuto della documentazione donata all'ISCOP si rimanda all'elemento descrittivo Ambito e contenuto). La documentazione, al momento della donazione, era conservata all'interno di fascicoli (non sempre titolati), ad eccezione delle lettere inviate da Bruno a Libera dal Veneto, tra l'aprile e il novembre 1944, contenute all'interno di una busta da lettera. L'ISCOP, grazie al sostegno economico di Anna Venturini, Associazione Nazionale Partigiani d'Italia - Sezione Leda Antinori di Fano e Record Data Srl, ha quindi promosso un intervento di riordinamento ed inventariazione della documentazione e di digitalizzazione dei documenti ritenuti più rilevanti con lo scopo di pubblicarli online all'interno del sito Memorie di Marca (www.memoriedimarca.it), in corrispondenza delle relative descrizioni archivistiche.

NOTE
(I) Cfr. Archivio Famiglia Venturini, serie Bruno Venturini, fasc. Elenco di documenti di Bruno Venturini inviati al sindaco di Fano, b. 1, fasc. 3.

Source immédiate d'acquisition ou de transfert

L'Archivio Venturini è stato donato formalmente da Anna Venturini all'ISCOP in data 23 gennaio 2018.

Zone du contenu et de la structure

Portée et contenu

L'Archivio conserva documenti prodotti e acquisiti da Bruno (tra cui il suo libretto universitario e il suo libretto di lavoro)(I), le lettere da lui inviate alla moglie Libera Callegari tra aprile e novembre del 1944 dal Veneto (dove si era recato per ordine del Partito Comunista Italiano al fine di svolgere incarichi politici e militari durante la Resistenza)(II), documenti riguardanti Bruno, acquisiti da Libera durante la redazione della sua biografia, tra cui certificati, corrispondenza e fotografie(III), l'elenco dei documenti trasmessi da Libera Callegari al Comune di Fano presumibilmente intorno alla fine degli anni Ottanta del Novecento(IV), fotografie di Bruno e relative al suo funerale(IV) e, infine, documentazione raccolta da Libera riguardante la Guerra di Liberazione combattuta nel nord Italia tra il 1944 ed il 1945(V).

NOTE
(I) Cfr. Archivio Famiglia Venturini, serie Bruno Venturini, fasc. "Bruno Venturini", b. 1, fasc. 1.
(II) Cfr ivi, fasc. "Lettere di Bruno", b. 1, fasc. 2
(III) Cfr. ivi, fasc. "Bruno Venturini", b. 1, fasc. 1.
(IV) Cfr. ivi, fasc. Elenco di documenti di Bruno Venturini inviati al sindaco di Fano, b. 1, fasc. 3.
(V) Cfr. ivi, fasc. Fotografie, b. 1, fasc. 4.
(VI) Cfr. ivi, serie Guerra di Liberazione, fasc. Guerra di Liberazione, b. 1, fasc. 5.

Évaluation, élimination et calendrier de conservation

Accroissements

Mode de classement

Il riordinamento della documentazione

Zone des conditions d'accès et d'utilisation

Conditions d’accès

Conditions de reproduction

Langue des documents

Écriture des documents

Notes sur la langue et l'écriture

Caractéristiques matérielle et contraintes techniques

Instruments de recherche

Zone des sources complémentaires

Existence et lieu de conservation des originaux

Existence et lieu de conservation des copies

Unités de description associées

Descriptions associées

Zone des notes

Identifiant(s) alternatif(s)

Mots-clés

Mots-clés - Sujets

Mots-clés - Lieux

Mots-clés - Noms

Mots-clés - Genre

Zone du contrôle de la description

Identifiant de la description

Identifiant du service d'archives

Règles et/ou conventions utilisées

Statut

Ébauche

Niveau de détail

Moyen

Dates de production, de révision, de suppression

Langue(s)

Écriture(s)

Sources

Document numérique (Matrice) zone des droits

Document numérique (Référence) zone des droits

Document numérique (Vignette) zone des droits

Zone des entrées

Sujets associés

Personnes et organismes associés

Genres associés

Lieux associés